La storia di un pizzaiolo “non per caso”, che dura da oltre 30 anni.

“Ho imparato l’arte della panificazione a lievito madre da mio nonno Giuseppe, ottimo panettiere, che già nel lontano 1965 nella sua bottega vendeva, oltre a diversi tipi di pane, delle pizze al taglio con pomodoro ed origano.
Fu subito stupore: gli abitanti del paese di Bracigliano non ne avevano mai vista una prima. Andarono subito a ruba! All’età di 11 anni, nei ritagli di tempo, aiutavo mio nonno. Che fantastica cosa era giocare ed impastare con la farina! Fu subito amore! Decisi che quello sarebbe stato il mio lavoro da grande e cominciai a seguire gli insegnamenti del nonno con lunga devozione e con duro lavoro, così come per anni avevo visto fare a lui.

Ho portato avanti l’arte della pizza di mio nonno nel paese natale per poi scoprire il nord Italia. Ho lavorato per dieci anni presso i più rinomati ristoranti. Tantissime esperienze e moltissimi sacrifici sono serviti a realizzare il mio sogno: ritornare al sud per aprire una pizzeria tutta mia. Era l’anno 2003 quando ho aperto il mio locale: qui, “nel mio regno”, da oltre dieci anni, potete trovare i prodotti frutto della mia terra, della mia esperienza e della mia famiglia: la pizza Vien Mò, il panuozzo, il Pollo scupptitiat e il Mallone con Mascuotto Braciglianese.

Tutto è lavorato con tenacia, cura e dedizione, per riprodurre gli stessi sapori antichi.”

Salvatore De Caro

Top